Quello che mangiamo può renderci più intelligenti, acuti e attenti, dalla più tenera età (prima della nascita) alla vecchiaia.

Il cervello è un organo dalle piccole dimensioni (il peso è pari al 2,5% di quello corporeo), ma pare che abbia un appetito pantagruelico (assorbe il 20% dei cibi che consumiamo), e ci sono cibi di cui ha particolarmente bisogno.

Carburante per Cellule cerebrali

A qualsiasi età il nostro cervello ha bisogno di:

> Acido Alfa-Linolenico, contenuto in colza, noci, semi di lino

> Omega 3, di cui è ricco il pesce azzurro - sardine, sgombro, tonno - e il salmone

> Zinco, presente in cioccolato, funghi, frutta secca, lenticchie, quinoa, semi di girasole 

> Ferro, presente in carne rossa (da consumare con moderazione), cereali e legumi, pomodori secchi e salsa di pomdoro

> Iodio, particolarmente disponibile in alimenti come latticini, pesce, uova, sale iodato, pomodoro e carote

Il Cervello del bambino

Durante la gravidanza, per lo sviluppo del cervello del bambino (100 bilioni di cellule), i nutrizionisti raccomandano alla mamma: pane e cereali a colazione, arance, frutta, ortaggi verdi e cibi ricchi di acido folico.

Quando nasciamo il cervello conta circa 100 miliardi di cellule cerebrali, non ancora completamente interconnesse fra loro (al 15% circa).

Lo sviluppo del cervello si completa circa al terzo anno di età.
In questo periodo è importante nutrire il bambino con alimenti che contengono ferro, zinco e omega 3, di cui anche il latte materno è ricco.
Dal settimo/ottavo mese è possibile arricchire l’alimentazione del bambino con cibi ricchi in ferro e zinco: cereali, legumi, verdure, pesce, purea di carne.

Il sano sviluppo del bambino prevede inoltre di nutrirlo con amore, dialogo, gioco e altri stimoli intellettuali e creativi…

In età scolare

In età scolare i bambini si trovano a processare nuove informazioni ogni giorno.
Questa attività richiede un plus di carboidrati, minerali, omega-3, proteine e vitamine.

Fra gli alimenti consigliati:

> cereali, frutta, latte e yogurt a colazione

> carne magra, pesce, uova, frutta secca, semi oleosi e formaggio

> verdura e frutta fresca di stagione a ogni pasto

A Scuola e in Ufficio

Dopo il primo, fondamentale pasto del mattino, è bene nutrirsi durante l’arco della giornata in modo equilibrato e regolare con qualche spuntino, per rifornire di carburante il cervello tra un pasto e l’altro.

Il pomeriggio il livello energetico può calare, quindi si può ricorrere a barrette di muesli, frutta secca e cracker per riprendere tono, da tenere sempre nella borsa o nel cassetto.
Anche una boccata d’aria, quattro passi all’aperto possono aiutare a ossigenare il cervello e riprendere le attività con più slancio e attenzione.

In età adulta

Con l’avanzare dell’età, il nostro cervello ha sempre più bisogno di vitamine, in particolare B, antiossidanti e colina.

Ecco cosa mangiare:

> cioccolato fondente

> olio extravergine di oliva

> frutta fresca: agrumi, avocado, mirtilli, kiwi, e frutta secca, noci etc.

> verdure consigliate: carote, barbabietole, broccoli e pomodoro, vero e proprio elisir di giovinezza