×

Food Trends

SLOW KITCHEN: SLOW LIVING IN CUCINA

Ingredienti genuini, ricette semplici, gesti lenti che ci riportano alla bellezza delle cose di un tempo. Ecco il ritmo naturale delle buone abitudini che dovremmo far (ri)entrare nella nostra cucina.

Slow Kitchen: slow living in cucina

Con le vacanze estive - che quest’anno trascorreremo non troppo lontano da casa - è arrivato il momento di cambiare prospettiva, scalare la marcia e fare tesoro dei consigli dello Slow Living, una pratica adottata già da molte persone che ne riscontrano i benefici in molti aspetti nella vita quotidiana.

Godersi piccoli piaceri quotidiani come un pranzo in compagnia, un momento d’aria fresca, una colazione a letto, addirittura la noia, senza rinunciare ad essere produttivi ma (ri)trovando il proprio ritmo, dedicando tempo e soprattutto attenzione ad ogni attimo, partendo da quelli trascorsi in cucina.

Lo Slow Living in cucina

Una tavola preparata come si deve, cibo vero cucinato in modo semplice e sano. Sono gesti all’apparenza banali, che in realtà possono trasformare la cucina in uno spazio slow dove ritrovare sempre la quiete.
Mangiare stagionale, cucinare partendo da ingredienti base scelti sfusi, anziché comprare tutto pronto. Lo spirito della Slow Kitchen implica una sorta di “ritorno alle origini in cucina”.
Ciò significa anche mangiare meglio, scoprendo il piacere di piatti legati allo specifico periodo dell’anno e al territorio, evitando gli sprechi e caratterizzando la propria cucina con ingredienti inediti, poco considerati.
Ma significa anche creare attorno alla tavola un vero e proprio rituale che si concretizza nei piccoli gesti che compiamo: apparecchiare la tavola con cura, con una bella tovaglia fresca di bucato e un mazzo di fiori solo per noi.
Significa prendersi il tempo per assaporare e sentire ciò che abbiamo preparato - concentrandosi su ciascun morso - o dedicare del tempo alla realizzazione di una ricetta, apprezzandone la trasformazione sotto le nostre mani.

Slow Food

Cucinare è un ottimo modo per praticare una vita lenta e consapevole. La filosofia Slow Food si concentra infatti sulla conservazione delle tradizioni culinarie e sulla comprensione di come sono stati prodotti gli ingredienti che costituiscono i nostri piatti, sull’evitare gli sprechi. La cucina diventa così un'esperienza consapevole, che punta sull’essere presenti e sul coinvolgimento dei sensi non solo mentre si mangia ma anche mentre si tritura, si impasta e si mescola.


Ecco la nostra ricetta slow preferita per l’estate fatta con materie prime fresche, stagionali e zero waste: il tortino di alici.

INGREDIENTI

Passata Classica 700g

120 gr

Alici fresche

280 gr

Basilico

q.b.

Lime

q.b.

Mozzarella

100 gr

Olio evo

q.b.

Pane

20 gr

Patate viola

120 gr

Sale

q.b.

PREPARAZIONE
Pulire le alici privandole della lisca. Pelare e affettare finemente le patate per poi scottarle per 30 secondi in acqua bollente. Tagliare la mozzarella  e cuocere per 15 minuti la Passata classica Pomì con olio, basilico e sale. Comporre il tortino creando tre strati di patate, alici, mozzarelle e pomodoro. Infornare a 180° per circa 12 minuti. Completare la ricetta aggiungendo il pane raffermo sbriciolato, precedentemente rosolato velocemente in padella con olio, sale e una grattugiata di lime fresco.

GIORNALE

ALSO IN FOOD TRENDS

None

Food Trends

Conserve dal mondo

In ogni luogo del pianeta le famiglie custodiscono i propri ingredienti e le proprie tecniche per la conserva. Storie sempre diverse ma tutte accomunate dalla volontà di tramandare una memoria culinaria che si ravviva a ogni barattolo aperto.