×

How to

PASTA AL POMODORO: COME RAGGIUNGERE LA PERFEZIONE

In cucina come in amore, non date nulla per scontato!

Pasta al pomodoro: come raggiungere la perfezione

In cucina come in amore, non date nulla per scontato!
Un piatto semplice come la pasta al pomodoro può essere “povero” di sapore o al contrario regalare un trionfo di emozioni. Non sottovalutate le fasi di una preparazione apparentemente semplice e trattate con cura la materia prima.

“La semplicità è la forma della vera grandezza”, diceva Francesco De Sanctis, e noi gli diamo ragione! Per raggiungerla ci bastano: aglio o cipolla, salsa di pomodoro, pasta di grano duro trafilata al bronzo, più porosa quindi più indicata al matrimonio con il sugo.

Dictat per la pasta perfetta

Le proporzioni. In genere si usa 1 litro di acqua per 100 grammi di pasta.
Il sale si aggiunge quando l’acqua arriva al punto di ebollizione, circa 7 gr per ogni etto di pasta. Oltre a insaporire serve a trattenere le sostanze aromatiche e nutritive della pasta.

La pasta italian style è decisamente al dente! Più buona e digeribile!
Una volta scolata continua a cuocere, per cui è meglio toglierla dall’acqua quando ancora non è giunta a piena cottura.

La bontà del piatto non prescinde dalla scelta delle materie prime.
Consigliamo di usare verdure fresche, salsa di pomodoro biologica e un buon olio extravergine di oliva.

Il sugo e la cottura della pasta

Fate imbiondire in olio evo aglio o cipolla a seconda dei gusti, senza friggere.
Togliete l’aglio e versate il pomodoro - noi consigliamo la Polpa di pomodoro biologica Pomì - profumate con basilico o altre erbe aromatiche.

Per calibrare l’acidità del pomodoro potete aggiungere un pizzico di zucchero durante la cottura. Abbassate la fiamma e continuate a cuocere per altri 15 minuti a coperchio chiuso, in modo da non disperdere gli aromi.
Assaggiate per aggiustare sapori e cottura e mettete a bollire l’acqua per la pasta.

Il sugo è pronto. Buttate la pasta!
La pasta va immersa in acqua già salata appena giunge a bollore, per favorire una cottura uniforme - fino al cuore del grano - e la giusta sapidità.

Scolate al dente e tenete da parte un po’ d’acqua di cottura.
Servirà nella mantecatura finale per aumentare la quantità di amido, cremosità del piatto e amalgama dei sapori.

Il salto in padella!

In una padella antiaderente, larga e maneggevole, versate un po’ di sugo, mettete sul fuoco e aggiungete la pasta appena scolata. Versate un filo d’olio crudo, il sugo, un po’ di acqua di cottura e cucinate a fiamma viva.

Impugnato il manico, fate saltare con movimento rapido e sicuro, per insaporire senza bruciare. L’acqua della cottura aumenta la saporosità del sugo, il salto in padella fonde in modo armonico tutti gli ingredienti.

Ora che conoscete tutti i segreti della pasta perfetta, mettetevi alla prova con la nostra ricetta degli Spaghetti alla Puttanesca!
Buon appetito!

GIORNALE

ALSO IN FOOD TRENDS

None

How to

La spesa intelligente contro lo spreco

Compriamo troppi prodotti e li conserviamo male. In base ai rapporti della FAO lo spreco domestico comincia dal modo sbagliato di fare la spesa e finisce con una ...

None

How to

Slow living: quando rallentare fa bene a corpo a mente

Siamo spesso trascinati nel vortice di giornate piene, incalzati da impegni e scadenze. La fretta non risparmia nemmeno i bambini, vincolati da un’agenda fitta quanto quella di un ...

None

How to

Questione di spreco: quanto ne sappiamo?

Un problema etico, economico e ambientale. Quando parliamo di spreco alimentare siamo di fronte a una tra le più urgenti tematiche di attualità. Una questione globale, che coinvolge ...