×

Polpa, Passata e Dintorni

SCHIOPPETTI, SCHIOPPETTINE, BUBBOLINI… MA CHE ERBA DEL CUCCO È?

Chi ha la fortuna di abitare nei pressi della campagna li conoscerà sicuramente. Chiamati anche Schioppetti, Schioppettine, Bubbolini, Crepaterra, Verzuli, Erba del cucco, gli Strigoli sono erbe spontanee della famiglia delle Caryophyllaceae, che però possono anche essere coltivate.

Schioppetti, Schioppettine, Bubbolini… ma che erba del cucco è?

Chi ha la fortuna di abitare nei pressi della campagna li conoscerà sicuramente. Chiamati anche Schioppetti, Schioppettine, Bubbolini, Crepaterra, Verzuli, Erba del cucco, gli Strigoli sono erbe spontanee della famiglia delle Caryophyllaceae, che però possono anche essere coltivate.

Sono noti come pianta commestibile fin dai tempi antichi. Le foglie allungate e carnose, durante la primavera, regalano un verde vivace ma soprattutto un sapore intenso, talmente buono che gli appassionati organizzano passeggiate fuori porta per andare a caccia della prelibata pianta.
Pare che Strigoli – in botanica Silene Vulgaris – abbia origine onomatopeica e derivi dal rumore che producono quando vengono strappati dal terreno con le mani: una sorta di sfrigolio. Altri ritengono invece che derivi dal dio della mitologia greca Silenòs, amico di Bacco, altri ancora da Selene, da cui il nome Erba Selene. In genere si mangiano solo le cime per cui, nel coglierli, è meglio evitare di strappare le radici in modo che la pianta continui a vivere e a regalare i suoi sapori.

Il momento migliore per la raccolta è l’inizio della primavera, prima della fioritura. Potrete trovare gli strigoli in tutta Italia, nei campi aperti e sulle colline fino a 1.600 metri di altezza, nelle zone soleggiate, nei terreni calcarei e anche vicino alle case. Gli strigoli fanno la loro comparsa anche nei banchi dei supermercati e dal fruttivendolo ed è persino possibile coltivarli con facilità nel proprio orto. La terra va preparata in estate e irrigata con abbondante acqua, i semi daranno i loro primi “frutti” nella primavera successiva, fra marzo e aprile.

A livello nutrizionale, gli strigoli propongono un set di benefici: sono rimineralizzanti, contengono vitamina C e fenoli, che hanno una azione positiva su metabolismo e intestino.

LO STRIGOLO IN CUCINA

Gli Strigoli sono diffusi in tutto lo stivale, al nord si usa sbollentarli e servirli come contorni, oppure si usano nei minestroni e nelle zuppe, in Veneto e Lombardia anche nei risotti. In centro Italia, specialmente in Emilia Romagna, sono usati per impreziosire la salsa di pomodoro prima dello sposalizio con la pasta, ma anche crudi o appena sbollentati in insalata e per la preparazione di sughi bianchi. In Toscana sono un ingrediente elettivo delle torte salate, mentre al sud vengono usati per condire la pasta di grano duro o nelle frittate.

Noi di Pomì vi consigliamo una rapida ricetta per un sugo delizioso. Procuratevi 300 grammi di strigoli appena colti e lasciateli in ammollo mentre preparate il soffritto con una cipolla, un pizzico di peperoncino e olio extravergine. Chi mangia la carne può aggiungere al soffritto 50 grammi di guanciale di maiale, lasciando che fonda. Versate un po’ di vino bianco e fate sfumare, quindi aggiungete una confezione di passata di pomodoro bio Pomì, dopo 15 minuti di cottura aggiungete gli strigoli puliti. Appena il sugo è pronto condite la vostra pasta preferita.

GIORNALE

ALSO IN FOOD TRENDS

None

Polpa, Passata e Dintorni

Pomì in Love: idee per un San Valentino di gusto

San Valentino si avvicina. Ecco le nostre idee e suggerimenti per sorprendere e coccolare il partner con squisitezze gourmet.

None

Polpa, Passata e Dintorni

Viaggiare… di gusto!

C'è tutto un mondo da scoprire nell’estate italiana.

None

Polpa, Passata e Dintorni

4 letture per l'estate

Per un’estate tutta da leggere (… e da gustare) abbiamo creato per voi una lista di libri, un omaggio al nostro protagonista preferito, nonché vero Re dell’estate: il pomodoro.