×

Recupero in cucina

CI MANGIAMO QUALCOSA?

Ecco finalmente una buona notizia: gli italiani sprecano meno, il 25% in meno, mica bricioline!

Ci mangiamo qualcosa?

Ce lo assicura l’osservatorio Last Minute Market, da anni in prima linea per combattere gli sprechi alimentari e aiutarci a consumare meglio.
 

Sono numeri importanti perché si traducono in un risparmio economico immediato, sonante (quasi 5 euro in meno per famiglia a settimana), e che non ci costa quasi nulla: solo un po’ di buon senso e un pizzico di organizzazione domestica. Una lista dettagliata prima di tuffarci fra le scansie e pianificare cosa mangiare in anticipo sono semplici trucchetti che migliorano la nostra gestione familiare e contrastano un fenomeno diffuso quanto incredibile: una parte – ora inferiore, ma dobbiamo fare meglio – di quanto compriamo lo buttiamo. Così, dal frigo al secchio della spazzatura.

Assurdità che costa soldi a noi sullo scontrino e all’economia (e quindi ancora a noi) in senso più ampio: basti pensare che per “annaffiare” tutte le nostre coltivazioni impieghiamo una quantità di acqua pari a 80 piscine olimpioniche, 73 milioni di metri cubi al giorno. [Barilla Center for Food and Nutrition]

Parliamo di agricoltura, di verdura e frutta perché sono alla base di tutto, non solo dei prodotti che consumiamo direttamente, ma anche di quelli che servono per i nostri animali, anzi il 59% della terra coltivata è destinata alla produzione di foraggio. [J.S. Foer, Possiamo salvare il mondo prima di cena] Una percentuale considerevole dovuta all’aumento del consumo di carne che, su scala mondiale, è passato dai 70 milioni di tonnellate degli anni 1960-1970, ai 330 milioni di tonnellate registrati nel 2017 [FAO]. La dieta mediterranea orienta ancora le nostre scelte e ci aiuta a mantenere una maggiore misura rispetto ai cugini americani, ma qualche cambiamento si è registrano anche da noi.

È importante, allora, comprare e consumare usando la testa. Per abitudine e per facilità scegliamo spesso gli stessi tagli che, oltre a diventare un po’ noiosi e piuttosto cari, rappresentano solo una piccola parte delle risorse disponibili. Allora facciamoci furbi e pensiamo, per esempio, alla coda di bue come un ottimo stracotto, al lesso del brodo come buone polpette del giorno dopo, o un umido succulento se “rifatto” con un po’ di pomodoro; lingua, nervetti e tripperie varie sono ottime anche senza fagioli e parmigiano – se cerchiamo maggiore leggerezza – basta intiepidirle e servirle in insalata, con sedano e carote, i durelli di pollo sono un ragù perfetto per le tagliatelle e un gustoso stufato con le patate. Provate, non ci costa (quasi) nulla!


Elisa Azzimondi

 

GIORNALE

ALSO IN FOOD TRENDS

None

Recupero in cucina

Quanto è profondo il mare

La bella stagione richiama pranzetti che profumano di vacanza: fritturine croccanti e gustose grigliate.

None

Recupero in cucina

Contaminazione e salubrità del cibo: niente panico

Fare la spesa oggi significa spesso fare scorta per più giorni, sapere come gestire lo stoccaggio, anche senza utili sistemi come il sottovuoto, diventa allora importante.

None

Recupero in cucina

Pomì Partecipa alla Tempi di Recupero Week

L’iniziativa Tempi di Recupero Week prende vita dal 16 al 24 Novembre