×

Recupero in cucina

QUANTO È PROFONDO IL MARE

La bella stagione richiama pranzetti che profumano di vacanza: fritturine croccanti e gustose grigliate.

Quanto è profondo il mare

Il pesce è pietra angolare della nostra dieta mediterranea, spesso banalizzato da un’alimentazione veloce che si rifugia nell’inscatolato (tonno e salmone in primis), ma sempre raccomandato da dietologi e nutrizionisti. Il consumo ittico mondiale è aumentato negli ultimi anni arrivando a toccare in media i 20 Kg pro capite (FAO, 2018), con l’Europa in testa con i suoi quasi 25 Kg.

Un trend certamente positivo, ma da analizzare meglio. Anzitutto: quali sono le tipologie di pesce presenti sui nostri mercati? Presto detto, sempre le stesse. La richiesta, e quindi l’offerta, punta invariabilmente su un numero esiguo di specie, rastrellate dai mari in modo selvaggio: orata, spigola o branzino, platessa – perlopiù surgelata –, scampi, gamberi e salmoni sono le varietà più gettonate.

Impensabile che il mare “produca” naturalmente e senza stress la quantità necessaria al prelievo senza scotti da pagare (oltre a quello del cartellino, spesso gonfiato dalla logica dei guadagni). I costi accessori che stiamo pagando con forse minore coscienza sono: scarti importanti durante la pesca, precisamente il 10,8% del pescato mondiale (FAO, 2019) viene raccolto e buttato, un ecosistema in pericolo per gli effetti della desertificazione provocata dalla caccia indiscriminata e dalla distruzione dei fondali, l’aumento dell’inquinamento dovuto a certi allevamenti intensivi non a norma che non rispettano neppure il comune buon senso. Non è soltanto la plastica ad uccidere il mare.

Altro dato interessante lo fornisce ISMEA, che ci avverte di come il consumo domestico sia perlopiù orientato verso il pronto cuoci surgelato e il sushi takeaway della grande distribuzione. Cala invece quello del pescato fresco (meno della metà del pesce che mangiamo lo scegliamo in pescheria) e, con lui, i margini di sopravvivenza dei piccoli pescatori delle nostre coste.

Cosa fare? Alzare lo sguardo! Scegliere pesce fresco significa non dover mediare i propri gusti e monitorare con più facilità la provenienza delle zone di pesca e di allevamento. Poi bisogna riappropriarci delle nostre tradizioni. Il pesce crudo non è All you can eat: è ottimo se pienamente tracciato e verificato con attenzione perché potenziale fonte di contaminazioni batteriche molto pericolose da non sottovalutare.

Il pesce del Mediterraneo (sgombri, sarde, pannocchie, pezzogne, cefali, triglie, mazzole, seppie, cozze…) è un patrimonio nostrano che insegna un universo di brodetti, sughi, di recupero di avanzi o di piccole pezzature per polpette e farciture di pasta fresca, olive ascolane, verdure e fumetti gustosi per tagliolini all’uovo o risotti. Coda, testa, gusci e lische valgono, approfittiamone!

 

Elisa Azzimondi

 

GIORNALE

ALSO IN FOOD TRENDS

None

Recupero in cucina

Contaminazione e salubrità del cibo: niente panico

Fare la spesa oggi significa spesso fare scorta per più giorni, sapere come gestire lo stoccaggio, anche senza utili sistemi come il sottovuoto, diventa allora importante.

None

Recupero in cucina

Ci mangiamo qualcosa?

Ecco finalmente una buona notizia: gli italiani sprecano meno, il 25% in meno, mica bricioline!

None

Recupero in cucina

Pomì Partecipa alla Tempi di Recupero Week

L’iniziativa Tempi di Recupero Week prende vita dal 16 al 24 Novembre