×

Noi di Pomì

POMÌ, AGRICOLTURA E TERRITORIO

Volete sapere perché Pomì è così buono? Abbiamo trascorso una giornata sui campi insieme al Responsabile Agronomico Davide Rocca, ecco cosa ci ha raccontato!

Pomì, Agricoltura e Territorio

Volete sapere perché Pomì è così buono?
Abbiamo trascorso una giornata sui campi insieme al Responsabile Agronomico Davide Rocca, ecco cosa ci ha raccontato!

 

Il pomodoro Pomì è coltivato in aperta campagna, in alternanza ad altre colture come il grano, per mantenere il terreno ricco e fertile. A prendersi cura dell’oro rosso sono tanti agricoltori che, da sempre, si occupano di pomodoro.

La bontà di un prodotto finito - spiega Davide Rocca - non si ottiene solo tramite i processi di trasformazione, ma soprattutto grazie a un buon pomodoro di partenza. Noi selezioniamo le cultivar in base a determinate caratteristiche agronomiche, qualità organolettiche specifiche, e lo facciamo insieme ai nostri fornitori, le ditte sementiere, e a chi il pomodoro lo produce, gli agricoltori”.

L’Ufficio Agronomico segue l’intera “storia del pomodoro”, dal campo allo scaffale, monitorando tutte le fasi di sviluppo della pianta: fioritura, maturazione, raccolta, fino al conferimento negli stabilimenti, per assicurare - insieme alla bontà e alla freschezza - la totale trasparenza nei confronti del consumatore.

L’eccellenza del pomodoro è garantita dall’esperienza e dalla competenza degli agricoltori, da tecniche agronomiche all’avanguardia e pratiche agricole sostenibili.
La bontà del prodotto finito è il risultato della sinergia fra Aziende Agricole, Ufficio Agronomico e Sistema Qualità, che controlla ogni singolo aspetto della produzione.


Agricoltura sostenibile e varietà OGM free

I pomodori Pomì derivano da agricoltura sostenibile.
Vengono coltivate solo le migliori varietà, selezionate e rigorosamente OGM free.

Per fare il pomodoro bisogna difenderlo ma in modo sostenibile. - Chiarisce Rocca -. Noi rispettiamo un rigido disciplinare di produzione e calcoliamo gli indici di sostenibilità in tutte le fasi di produzione e trasformazione del pomodoro”.

Oltre alla cura delle coltivazioni, c’è grande attenzione anche per il territorio circostante. 
Nelle terre accanto ai campi di pomodoro, coltiviamo essenze impollinatrici per aumentare la biodiversità, curare l’ecosistema e il territorio, che deve essere produttivo ma anche sano”.

Sano e buono, proprio come Pomì!

GIORNALE

ALSO IN FOOD TRENDS

None

Noi di Pomì

Buone maniere in campo

È possibile ricercare la sostenibilità in campo? Noi di Pomì ci proviamo da sempre mettendo in pratica con rigore tutta una serie di buone maniere, volte a tutelare prima di tutto il suolo. 

None

Noi di Pomì

Estate, la stagione dei pomodori Pomì

È in estate che le terre del Consorzio restituiscono il loro frutto migliore e Noi di Pomì ci prepariamo a celebrarlo con la campagna di raccolta e trasformazione per portare sulle tavole il pomodoro in tutte le sue sfaccettature.

None

Noi di Pomì

La tecnologia scende in campo per la sostenibilità

La produzione del cibo rappresenta una delle principali cause del climate change: secondo i dati della FAO, il 54% degli sprechi avviene proprio “a monte”, in fase di produzione, raccolta e trasformazione dei cibi.