Calcolo della carbon footprint della passata Pomì L+

Coltiviamo un futuro sostenibile, calcoliamo la carbonfootprint

 

Pomì non è semplicemente un’azienda e un marchio italiano che produce e commercializza prodotti a base di pomodoro. Negli anni è diventata un vero e proprio collettore di storie e persone, agricoltori e famiglie che ogni giorno si dedicano alla cura del pomodoro, con l’intento di portare sulle tavole dei consumatori un prodotto di altissima qualità.

Tra i valori che da sempre la animano vanno sicuramente menzionati il rispetto per il territorio e l’attenzione per l’ambiente che hanno portato Pomì a gestire, con un coinvolgimento sempre maggiore, le emissioni di CO2.

In quest’ottica Pomì aderisce, nel 2014, al Programma nazionale per la valutazione dell’impronta ambientale con il progetto co-finanziato dal Ministero dell’ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, finalizzato al “Calcolo della Carbon Footprint della passata Pomì L+”.
 

La carbon footprint esprime in CO2 equivalente il totale delle emissioni di gas ad effetto serra associate direttamente o indirettamente al ciclo di vita del prodotto; dalla coltivazione e trasformazione del pomodoro, fino alla distribuzione e utilizzo del prodotto, allo smaltimento dell’imballo.

La carboon footprint è un’informazione importante per il consumatore, perché lo aiuta a fare acquisti consapevoli.


Pomì L+, il prodotto

Realizzata unicamente con pomodori italiani, naturali e di altissima qualità, la passata di pomodoro Pomì L+, ha caratteristiche innovative. Si tratta infatti di un prodotto che contiene quantità elevate di licopene; il 50% in più rispetto al valore medio delle passate ottenute da varietà tradizionali di pomodoro.

 


Pomì L+, il profilo ambientale

Il contributo all’effetto serra derivante dai gas climalteranti emessi durante le fasi del ciclo di vita del prodotto, calcolato per 1 kg di passata di pomodoro Pomì L+ (2 confezioni) e relativo imballaggio, è il seguente.


Pomì L+ neutralizza le emissioni di CO2

Pomì neutralizza le emissioni di CO2 associate alla produzione della passata di pomodoro Pomì L+ acquistando crediti certificati di carbonio e promuovendo un progetto finalizzato all’installazione di stufe per la cottura degli alimenti presso le aree rurali del Siaya County in Kenya. Questo progetto di efficienza energetica si chiama COOKSTOVE ed è certificato Gold Standard. Quali sono i benefici per le comunità locali? Le stufe installate si traducono in una serie di vantaggi: netto calo dei fuochi a cielo aperto, meno quantità di CO2 emessa e quindi sensibile riduzione dell’inquinamento prodotto e infine meno malattie respiratorie per le famiglie del luogo.
In quest'ottica Pomì aderisce, nel 2014, al Programma nazionale per la valutazione dell'impronta ambientale con il progetto co-finanziato dal Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, finalizzato al “Calcolo della Carbon Footprint della passata Pomì L+.

Vedi documento CFP External Communication Report >

 

X

We are social!

Pomì App

Ricette in rosso
per chi il pomodoro lo ama